"La macchinazione" di Grieco arriva alla Camera dei deputati

De La macchinazione di David Grieco abbiamo già parlato negli ultimi tempi.
Si tratta di un film ispirato agli ultimi giorni di vita di Pier Paolo Pasolini (nel film interpretato da Massimo Ranieri). Nel poster che vi abbiamo proposto qualche settimana fa, spiccava la scritta “Io so i nomi”, che è parte dell’articolo «Cos’è questo golpe? Io so», scritto da Pasolini e pubblicato sul Corriere della Sera il 14 novembre 1974, circa un anno prima della morte dell’intellettuale italiano, ucciso all’Idroscalo di Ostia il 2 novembre 1975.
La pellicola, ora, giunge anche alla Camera dei deputati, dove si è tenuta una conferenza stampa di presentazione del film. Lo scopo della conferenza è stato anche di caldeggiare l’istituzione di una commissione di inchiesta parlamentare volta ad approfondire ulteriormente la questione relativa alla morte di Pasolini, che non ha mai trovato una soluzione chiara e definitiva.

Accanto a Grieco e Ranieri, alla conferenza stampa erano presenti anche gli onorevoli Paolo Bolognesi e Serena PellegriniStefano Maccioni, dal 2009 legale della famiglia di Pasolini, e Silvio Parrello, poeta e pittore romano, amico di Pasolini. Ricordiamo che lo scorso maggio era stata archiviata l’ultima inchiesta sulla morte di Pasolini. Per l’omicidio era stato condannato Pino Pelosi, mentre per la procura non era stato possibile dare un volto agli altri cinque profili genetici rinvenuti nel luogo del delitto. Una decina di giorni fa, Maccioni aveva consegnato al presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, circa 10mila firme raccolte tramite una petizione su Change.org, incentrata proprio sulla possibilità di istituire la commissione d’inchiesta.
Sembra che La macchinazione possa costituire uno strumento utile per promuovere la riapertura del caso. Nel film, tutto inizia nell’estate del ’75, con Pasolini che sta montando il controverso Salò o le 120 giornate di Sodoma. Nel frattempo, è al lavoro su Petrolio e frequenta un ragazzo di nome Pino Pelosi, un giovane della borgata, lo stesso ambiente dove comincia a muovere i primi passi la Banda della Magliana. Il 26 agosto, dall’edificio della Technicolor viene sottratto il negativo di Salò. Da quel momento, scatta la trappola mortale che porterà Pasolini all’Idroscalo e alla sua tragica fine.
La pellicola uscirà nelle sale italiane il prossimo 24 marzo ed è tratta dall’omonimo libro dello stesso Grieco, pubblicato da Rizzoli.