Trent Reznor: «Ecco perchè le mia musica non è orecchiabile»

L’uscita nei cinema americani, in questi giorni, del film L’amore bugiardo – Gone girl di David Fincher, è stata l’occasione per Trent Reznor, che ha realizzato insieme ad Atticuss Ross la soundtrack (è possibile ascoltarla in streaming a questo link), di discutere del suo stile del suo lavoro. In una intervista per il programma This Morning della CBS, il compositore e leader dei Nine Inch Nails ha infatti parlato di come fare a gestire il doppio impegno come autore delle colonne sonore e come cantante della band, ed ha inoltre spiegato per quale motivo le sue canzoni «non sono così orecchiabili».

«Con i Nine Inch Nails mi rendo conto che un sacco di volte la mia strategia di scrivere una canzone pop non è quella di iniziare con un gancio e meccanicamente cercare di rendere questo prodotto “orecchiabile” – ha spiegato Reznor -. Di solito comincio infatti da una sensazione, da uno spunto visivo, e poi cerco di vestire quell’immagine con il suono, e la canzone viene fuori da sola. Questo è probabilmente il motivo per cui le mie canzoni non sono così orecchiabili».

Uno stile che Reznor porta anche nei suoi lavori cinematografici: «Con il lavoro cinematografico, si tratta solo di sostituire quella visione con quelle che di volta in volta i registi e gli sceneggiatori hanno creato. E’ sempre stimolante, una vera sfida».

È possibile vedere l’intervista completa nel video qui sotto:

L’amore bugiardo – Gone girl arriverà nei cinema italiani il 18 dicembre, dopo la presentazione, dal 16 al 25 ottobre, al Festival del Film di Roma.