La casa e il mondo

La casa e il mondo: un capolavoro in libreria

Torna nelle librerie italiane, in una nuova traduzione, La casa e il mondo, il romanzo capolavoro di Rabindranath Tagore. Lui è stato il primo scrittore non europeo a ricevere il premio Nobel per la letteratura, nel 1913. Il libro esce per Fazi editore.

Con una prosa elegante e raffinata, il romanzo tratteggia un personaggio femminile forte, coinvolgente sia dal punto di vista emotivo che da quello simbolico. Storia d’amore e romanzo politico insieme, La casa e il mondo è un vivido ritratto delle tradizioni, delle abitudini e dei conflitti che caratterizzavano la vita delle donne nella società indiana di inizio Novecento.

Da questo romanzo è stato tratto un film diretto da Satyajit Ray, presentato a Cannes nel 1984 e candidato alla Palma d’oro.

La casa e il mondo – Rabindranath Tagore

La casa e il mondoAll’alba del ventesimo secolo, lo Stato del Bengala è la culla del movimento indipendentista indiano contro la dominazione britannica. Nikhil, proprietario terriero dall’indole mite e spirituale convinto che il tumulto che sta agitando il paese possa essere risolto in modo pacifico, vede presto irrompere la tensione anche tra le mura del suo palazzo: quando la moglie Bimala esce dall’isolamento del gineceo per fare la conoscenza di Sandip, leader radicale pronto a utilizzare qualsiasi mezzo per ottenere l’indipendenza, la donna rimane inevitabilmente attratta dal suo carisma e dalle sue idee in merito al futuro del paese.

Ne La casa e il mondo si delinea così un pericoloso triangolo, in cui i due uomini, che rappresentano due modi differenti di interpretare la causa indiana contro l’imperialismo, diventano rivali anche nel campo degli affetti. Intanto Bimala, che insieme alla coscienza politica vede risvegliarsi il suo anelito verso l’emancipazione femminile, dovrà cercare di risolvere quell’opposizione tra «la casa e il mondo», apparentemente inconciliabile.

 

 

L’autore

Rabindranath Tagore è stato scrittore, musicista (l’inno nazionale indiano e quello del Bangladesh sono sue composizioni), filosofo, pittore, ma anche attivista politico e strenuo sostenitore dell’indipendenza indiana dall’Impero britannico.

Di famiglia colta e benestante, studiò Diritto in Inghilterra prima di stabilirsi definitivamente in India. La sua produzione è vasta ed eclettica, essendosi cimentato in vari generi letterari, dalla poesia ai trattati religiosi, dalla narrativa al dramma, passando per la saggistica di carattere politico e filosofico. Fu il primo scrittore non europeo a ricevere il premio Nobel per la Letteratura, nel 1913.