BAFTA 2015: trionfano "Boyhood" e Grand Budapest Hotel"

Sono stati assegnati alla Royal Opera House di Londra, dopo il conseuto e lunghissimo red carpet, i BAFTA Awards 2015, i premi assegnati assegnati dalla British Academy of Film and Television Arts al meglio delle produzioni cinematografiche britanniche e internazionali.

Come da pronostico sono stati Grand Budapest Hotel e Boyhood a dominare la serata, ma se è il film di Wes Anderson a portarsi a casa il maggior numero di premi (cinque in tutto, tra cui quello all’italiana Milena Canonero per i costumi), è quello di Richard Linklater a vincere i due premi maggiori ovvero Miglior film e Miglior regia.

Nessuno sorpresa nemmeno sul versante attori: Eddie Redmayne (La teoria del tutto) e Julianne Moore (Still Alice) sono stati insigniti dei premi di miglior attore protagonista; mentre tra i non protagonisti hanno trionfato J.K. Simmons (Whiplash) e Patricia Arquette (Boyhood)

Grande sconfitto della serata Birdman di Alejandro González Iñárritu, che si è portato a casa solo il premio per la migliore fotografia (Emmanuel Lubezki). Premi anche per Ida di Pawel Pawlikowski e The Lego Movie, escluso a sororesa dai nominati agli Oscar 2015.

Di seguito tutti i premi:

Miglior film
Boyhood di Richard Linklater

Miglior film britannico
La teoria del tutto di James Marsh

Miglior regista
Richard Linklater per Boyhood

Migliore attore protagonista

Eddie Redmayne per La teoria del tutto

Migliore attrice protagonista

Julianne Moore per Still Alice

Migliore attore non protagonista
J.K. Simmons per Whiplash

Migliore attrice non protagonista
Patricia Arquette per Boyhood

Migliore sceneggiatura originale

Wes Anderson per Grand Budapest Hotel

Migliore sceneggiatura non originale
Anthony McCarten per La teoria del tutto

Miglior documentario
Citizenfour di Laura Poitras

Miglior film d’animazione
The Lego Movie di Phil Lord e Christopher Miller

Miglior film in lingua straniera
Ida di Paweł Pawlikowski

Miglior montaggio

Tom Cross per Whiplash

Miglior fotografia

Emmanuel Lubezki per Birdman

Miglior colonna sonora
Alexandre Desplat per Grand Budapest Hotel

Migliori costumi
Milena Canonero per Grand Budapest Hotel

Miglior trucco e acconciature
Frances Hannon e Mark Coulier per Grand Budapest Hotel

Migliori scenografie

Adam Stockhausen e Anna Pinnock per Grand Budapest Hotel

Miglior suono
Thomas Curley, Ben Wilkins e Craig Mann per Whiplash

Miglior effetti speciali visivi

Paul Franklin, Scott Fisher, Andrew Lockley e Ian Hunter per Interstellar