Nicoletta Mandolini, 25 giugno 2012 | Novità

Babsi Jones - Sappiano le mie parole di sangue

Sappiano le mie parole di sangue, primo “romanzo” della reporter e scrittrice Babsi Jones, è un groppo in gola.

 

Riconosciuto come caso letterario già nel periodo immediatamente successivo alla sua uscita, tanto che viene subito identificato da Wu Ming 1 come esperimento narrativo inseribile nella nebulosa del New Italian Epic,  il lavoro della Jones è un esempio di quella che oggi si definisce non-fiction novel e una toccante prova di meta scrittura.

 

Inviata nei Balcani per raccontare lo scempio del conflitto tra Kosovo e Serbia, Babsi Jones ha rigurgitato il suo reportage e lo ha fatto dipingendo disordinatamente i contorni di un romanzo sporco ma a suo modo coerente, nato dall’esigenza di ri-amalgamare in un impasto sanguigno l’esperienza e la scrittura. Senza mai abbandonare le profondità dello sguardo soggettivo, imprescindibile per sondare la realtà e giungere fino al suo nucleo viscerale, la giornalista offre la propria testimonianza partigiana, si posiziona dalla parte sbagliata della Storia – quella avversa alle operazioni “umanitarie” dell’ONU – e sputa sul concetto di “verità” imbastendo una riflessione forsennata sul limite e sul valore della parola. 

 

Cavalca la soglia che divide il dicibile dall’inenarrabile Babsi Jones, in un’opera precaria che fa emergere la costante tentazione dell’autrice/protagonista/soggetto narrante a gettare la spugna, a dichiarare chiusa e quindi persa la sfida del racconto. Ma la rinuncia non giunge, lo sforzo continua imperterrito e rimane ferma nella memoria intratestuale l’epigrafe tratta dall’Amleto di Shakespeare che, tradendo l’origine del tiolo scelto dalla scrittrice per il suo romanzo, chiosa con: «Da ora i miei pensieri sappiano di sangue, o non siano più niente».

 

La parola, tanto quanto il pensiero per Amleto, ha senso solo se impatta con la realtà in maniera traumatica e dissanguante, a costo di uscirne rotta e contraddittoria, ma pur sempre capace di testimoniare. In questo senso, la scrittura di Babsi Jones riesce nell’intento e si dimostra capace di dar voce al fluttuare impietoso del sangue stesso quando, con una disarmante sensibilità tutta femminile, descrive all’unisono lo scorrere del mestruo mensile e quello del plasma di una vittima di guerra: «Entrambi zitti: il sangue non ha suono. Né il mio, né il suo. Stilla, scende, cola: il sangue del cadavere che si coagula, il sangue del taglio aperto in mezzo alle mie gambe vive».

 

Se ti piace leggi anche
Sirene
Ultime recensioni
Finzioni
Via Ripetta 155
A con Zeta
Noi
Noi
Pubblicità

Editore:

Rizzoli

 

Data di uscita:

12 settembre 2007

 

Genere:

Narrativa

 

Pagine:

259

 

EAN:

9788817017657

 

Web:

Sito ufficiale

Non è indecente esigere obiettività? Se altre parole insanguinate e monche, potrebbero salvarci dal finire supercoerenti, sì, ma ammutoliti? È solo il silenzio a dover restare?

Pubblicità