Babsi Jones - Sappiano le mie parole di sangue

Sappiano le mie parole di sangue, primo “romanzo” della reporter e scrittrice Babsi Jones, è un groppo in gola.

 

Riconosciuto come caso letterario già nel periodo immediatamente successivo alla sua uscita, tanto che viene subito identificato da Wu Ming 1 come esperimento narrativo inseribile nella nebulosa del New Italian Epic,  il lavoro della Jones è un esempio di quella che oggi si definisce non-fiction novel e una toccante prova di meta scrittura.

 

Inviata nei Balcani per raccontare lo scempio del conflitto tra Kosovo e Serbia, Babsi Jones ha rigurgitato il suo reportage e lo ha fatto dipingendo disordinatamente i contorni di un romanzo sporco ma a suo modo coerente, nato dall’esigenza di ri-amalgamare in un impasto sanguigno l’esperienza e la scrittura. Senza mai abbandonare le profondità dello sguardo soggettivo, imprescindibile per sondare la realtà e giungere fino al suo nucleo viscerale, la giornalista offre la propria testimonianza partigiana, si posiziona dalla parte sbagliata della Storia – quella avversa alle operazioni “umanitarie” dell’ONU – e sputa sul concetto di “verità” imbastendo una riflessione forsennata sul limite e sul valore della parola. 

 

Cavalca la soglia che divide il dicibile dall’inenarrabile Babsi Jones, in un’opera precaria che fa emergere la costante tentazione dell’autrice/protagonista/soggetto narrante a gettare la spugna, a dichiarare chiusa e quindi persa la sfida del racconto. Ma la rinuncia non giunge, lo sforzo continua imperterrito e rimane ferma nella memoria intratestuale l’epigrafe tratta dall’Amleto di Shakespeare che, tradendo l’origine del tiolo scelto dalla scrittrice per il suo romanzo, chiosa con: «Da ora i miei pensieri sappiano di sangue, o non siano più niente».

 

La parola, tanto quanto il pensiero per Amleto, ha senso solo se impatta con la realtà in maniera traumatica e dissanguante, a costo di uscirne rotta e contraddittoria, ma pur sempre capace di testimoniare. In questo senso, la scrittura di Babsi Jones riesce nell’intento e si dimostra capace di dar voce al fluttuare impietoso del sangue stesso quando, con una disarmante sensibilità tutta femminile, descrive all’unisono lo scorrere del mestruo mensile e quello del plasma di una vittima di guerra: «Entrambi zitti: il sangue non ha suono. Né il mio, né il suo. Stilla, scende, cola: il sangue del cadavere che si coagula, il sangue del taglio aperto in mezzo alle mie gambe vive».

 

Se ti piace leggi anche
Sirene
Ultime recensioni
Il libro delle parabole
Un animo d'inverno
La notte delle pantere
Questi sono i nomi
Questi sono i nomi
Pubblicità

Editore:

Rizzoli

 

Data di uscita:

12 settembre 2007

 

Genere:

Narrativa

 

Pagine:

259

 

EAN:

9788817017657

 

Web:

Sito ufficiale

Non è indecente esigere obiettività? Se altre parole insanguinate e monche, potrebbero salvarci dal finire supercoerenti, sì, ma ammutoliti? È solo il silenzio a dover restare?

Pubblicità